Perché i musulmani non bevono alcol e vino?

È risaputo che le persone di fede islamica non bevono alcolici in quanto rientrano nella categoria haram, ovvero illecito o proibito. Ma diamo un’occhiata e cerchiamo di capire perché i musulmani non possono bere alcol e vino.

perché i musulmani non bevono alcol, perché i musulmani non bevono vino, Alcol nell'islam vietato

L’alcol nell’Islam

Linguisticamente parlando, khamr (خمر) termine arabo per “vino”, è l’alcol derivato dall’uva. Questo è ciò che viene proibito in uno specifico versetto del Corano.

“O voi che credete, in verità il vino, il gioco d’azzardo, le pietre idolatriche, le frecce divinatorie, sono immonde opere di Satana. Evitatele, affinché possiate prosperare.”

[Al-Qur’an V: XC – Surah Al-Mâ’ida, versetto N. 90]

Pertanto l’alcol è categoricamente haram (illecito) e considerato najis (impuro). Il consumo, anche di piccole quantità, è severamente proibito, anche se non crea alcun effetto inebriante.

 

Anche l’alcol derivato da datteri o uvetta è illecito e impuro, sempre indipendentemente dalla quantità consumata.

Il Profeta (pace e benedizioni su di lui) disse:

“Gli intossicanti provengono da questi due alberi”, mentre indicava le viti e le palme da dattero. 

[Sahih Muslim]

È possibile trovare il consenso anche dei compagni del Profeta, pace e benedizioni su di lui, riguardo a questo tipo di alcol.

Tuttavia questa sentenza non si basa su testi decisivi e inequivocabili come nel caso del khamr, ovvero vino; l’illegalità di questo tipo di vino è piuttosto basata sul giudizio legale (ijtihad), e quindi la sua illegalità non è così severa come con il khamr. Quindi, ritenerlo lecito non comporterebbe miscredenza da parte del musulmano, anche se renderebbe la persona religiosamente corrotta (fasiq).

Per quanto riguarda l’alcol derivato dal miele, fico, frumento, orzo o mais, è illecito e impuro quando viene usato come bevanda alcolica o inebriante: cioè, quando si usano sostanze inebrianti in quantità elevate, o se usato invano (lahw).

Se non utilizzato in tal modo, sarebbe ammissibile e non impuro.

Questa sentenza differisce da quanto sopra poiché si basa su hadith che non sono conclusivi e inequivocabili, sebbene siano rigorosamente autentici (sahih), e poiché si basano anche sull’analogia giuridica (qiyas).

Come afferma la fatwa, al fine di reiterare la questione, le bevande alcoliche della terza categoria sarebbero ammissibili solo se soddisfano i seguenti criteri:

  • non sono usate come bevande inebrianti (anche in piccole quantità);
  • non vengono consumate in quantità elevate e invano (lahw).

 

L’alcol nel Corano

I musulmani non consumano prodotti contenenti etanolo, non indossano profumi contenenti ingredienti alcolici e si tengono lontani da tutte le forme di sostanze inebrianti. Questa astinenza è un comando proveniente da Dio, il legislatore per eccellenza per quanto riguarda molti aspetti della vita quotidiana del musulmano.

All’inizio, fu dato un avvertimento generale per proibire ai musulmani di assistere alle preghiere in stato di intossicazione o ubriachezza.

“O voi che credete! Non accostatevi all’orazione se siete ebbri finché non siate in grado di capire quello che dite…”

[Al-Qur’an IV: XLIII – Surah An-Nisâ’, versetto N. 43]

Poi un versetto successivo fu rivelato al Profeta Muhammad, pace e benedizioni su di lui, che afferma che mentre l’alcol aveva in effetti alcuni benefici medicinali, gli effetti negativi di esso erano superiori ai benefici.

“Ti chiedono del vino e del gioco d’azzardo. Di’: “In entrambi c’è un grande peccato e qualche vantaggio per gli uomini, ma in entrambi il peccato è maggiore del beneficio!…”

[Al-Qur’an II: CCXIX – Surah Al-Baqara, versetto N. 219]

perché i musulmani non bevono alcol, perché i musulmani non bevono vino, Alcol nell'islam vietato, perché musulmani non bevono birra

Infine con il versetto 90 e 91 della surah N° 5, Al-Maida, venne decretato il divieto nella maniera più netta; di conseguenza, i credenti si astennero immediatamente dal consumo di bevande alcoliche.

“O voi che credete, in verità il vino, il gioco d’azzardo, le pietre idolatriche, le frecce divinatorie, sono immonde opere di Satana. Evitatele, affinché possiate prosperare.”

[Al-Qur’an V: XC – Surah Al-Mâ’ida, versetto N. 90]

Il Profeta Muhammad, pace e benedizioni su di lui, ordinò anche ai suoi compagni di evitare sostanze inebrianti, parafrasando:

“se intossica in una grande quantità, è proibito anche in una piccola quantità.”

Per questo motivo, oggigiorno, la maggior parte dei musulmani osservanti evita l’alcol in qualsiasi misura o forma, anche se viene utilizzato in piccole quantità in cucina per la preparazione di pietanze.

 

6 motivi per cui i musulmani non bevono alcolici

perché i musulmani non bevono alcol, perché i musulmani non bevono vino, Alcol nell'islam vietato, perché musulmani non bevono birra

  1. L’alcol e la preghiera non vanno mai di pari passo. La preghiera (salat) è una parte fondamentale dello stile di vita musulmano, una chiamata obbligatoria a Dio cinque volte al giorno. Un rituale di purificazione “wudhu”, ovvero abluzione, è necessario prima della preghiera. La presenza di alcol nella stessa stanza non influisce sulla preghiera, secondo gli studiosi islamici, ma chiunque beve alcolici non può effettuare la preghiera per la durata di un mese, a meno che lui o lei non si penta.

 

  1. Crea dipendenza. Anche quando i primi musulmani riconobbero l’alcol per i suoi usi medicinali, il Profeta Muhammad paragonò la bevanda a una “malattia”, dicendo che non vi è cura nelle cose che Dio stesso ha proibito. Come per le sigarette, spetta alla forza di volontà di ognuno di noi smettere di bere.

 

  1. Il liquore oscura l’intelletto ed il giudizio. Il Khamr viene descritto anche come il consumo di alcol che rende complicato distinguere il giusto dallo sbagliato. La fede musulmana è fondata sull’intelletto, sul pensiero razionale e sul buon giudizio. Tutto ciò che potrebbe mettere a repentaglio questo comportamento viene considerato illecito.

 

  1. Dà il messaggio sbagliato ai bambini. Sedersi in un ristorante dove viene servito l’alcol non è lo stesso che berlo. Questo è il motivo per cui la legge islamica è flessibile a tal riguardo ed afferma che se qualcuno ha bisogno di sedersi in un ristorante per un incontro di lavoro o perché non ci sono altri ristoranti disponibili in zona, lui/lei può benissimo farlo, ma non dovrebbe sedersi a un tavolo dove viene servito l’alcol.

 

  1. L’alcol fa dimenticare. Qualsiasi sostanza inebriante o stupefacente, che si tratti di vino, birra, gin, whisky o droghe, influenza le facoltà e il comportamento di una persona. Il risultato è lo stesso, e il Corano sottolinea che è l’intossicazione – che distoglie l’attenzione da Dio e la preghiera – che è dannoso.

 

  1. L’alcol può condurre alla criminalità. Anche se si tratta di una dichiarazione controversa, nell’Islam l’alcol è considerato “la chiave di ogni male” (hadith), a causa della sua stretta relazione con il rendere o rendere più semplice commettere un’azione criminale. Quindi, come spiega il Corano, “(nell’alcol) c’è un grande peccato, ed (alcuni) benefici, ma il peccato supera il suo beneficio” (2: 219).

 

Frequentare locali dove si servono alcolici è haram?

Frequentare locali e pub è vietato nell'islam?

Bar e ambienti in cui viene servito l’alcol potrebbero indurre a bere ed in presenza di bambini, potrebbero insegnare loro a esplorare le bevande alcoliche. Gli adulti musulmani maturi sono dei modelli di riferimento e devono trasmettere il messaggio che non c’è bisogno o obbligo di bere per divertirsi, lavorare o socializzare.

Come menzionato in precedenza, se un musulmano è costretto a sedersi in un ristorante per un incontro di lavoro o perché non ci sono altri ristoranti disponibili in zona, lui/lei può benissimo farlo, ma non dovrebbe sedersi a un tavolo dove viene servito l’alcol.

Gli studiosi islamici classici e contemporanei sono del parere che un luogo in cui si consuma l’alcol può essere tanto deleterio quanto il bere stesso.

La differenza tra divieti in un luogo e divieti generali è che mentre entrambi sono proibiti, il primo ha minor peso perché è correlato a cause, mentre il secondo è correlato a un atto proibito. Quindi, sedersi a tavola, anche se non è come bere, potrebbe portare ad esso mentre il bere in sé è assolutamente proibito.

 

I musulmani non devono far uso di droghe

Tutte le sostanze intossicanti sono state rese haram nelle scritture religiose islamiche durante i primi anni della nascita dell’Islam. Nel corso degli anni, l’elenco delle sostanze intossicanti è arrivato a includere anche le droghe di strada più moderne.

i musulmani non fanno uso di droghe, no droga nell'islam

L’Islam proibisce l’uso di narcotici, facendo inoltre notare che “ogni intossicante è haram (illecito)”. Le droghe “ricreative” sono diventate parte della cultura sociale e, nonostante i divieti religiosi, i musulmani sono altrettanto suscettibili alla cannabis (marijuana), all’hashish e alla presunta “hukkah” a base di erbe (una pipa per fumare tabacco).

Tuttavia, anche quest’abuso di droghe è haram, per non parlare dell’incentivazione del traffico di droghe illegali e della dipendenza.

 

In quali paesi è vietato l’alcol?

Bere l’alcol è più che altro un passatempo sociale da migliaia di anni in tutto il mondo. Mentre la maggior parte delle persone è in grado di bere con moderazione, altri cadono facilmente vittime degli effetti della dipendenza da alcol.

Questo è il motivo principale per cui ci sono molti paesi arabi e non (con maggioranza musulmana) che scelgono di rendere l’alcol illegale, insieme a motivi religiosi.

  1. Afghanistan
  2. Bangladesh
  3. Brunei
  4. India (solo negli stati di Gujarat, Manipur, Mizoram e Nagaland e il territorio dell’Unione di Lakshadweep.)
  5. Iran
  6. Kuwait
  7. Libia
  8. Arabia Saudita
  9. Sudan
  10. Emirati Arabi Uniti (È consentito vendere alcolici seguendo norme molto rigide negli emirati degli Emirati Arabi Uniti, ad eccezione di Sharja, dove l’alcol è completamente vietato. A Sharjah, solo coloro che possiedono una licenza di alcol (di solito non musulmani) dal governo sono autorizzati a possedere e consumare l’alcol.)
  11. Yemen
  12. Pakistan (solo per i musulmani)

 

Perché l’alcol è illegale in questi paesi?

La maggior parte di questi paesi ha cittadini con religione musulmana che vieta l’uso dell’alcool per ragionamenti spirituali. La religione è il motivo principale per cui l’alcol viene ritenuto illegale in questi paesi.

Anche coloro che non appartengono alla religione musulmana devono sottostare a queste leggi come minoranza, se non diversamente specificato dalla legge.

Non solo l’alcol è illegale per motivi religiosi, ma la ricerca scientifica sugli effetti negativi dell’alcol e sul comportamento delle persone influisce sulla decisione di ciascun paese di vietare le bevande alcoliche.

L’obiettivo di questi paesi non è controllare i propri cittadini ma proteggerli.

Vino halal, un ossimoro?

Senza trascurare il valore nutrizionale delle bevande alcoliche, dobbiamo accettare che il vino in particolare non è di per sé completamente “dannoso”. Il vino contiene benefici coronarici e, secondo uno studio del 2003 di Wine Pros, riduce il rischio di ulcera peptica.

Ippocrate raccomandava dei vini specifici per disinfettare le ferite e persino il grande studioso islamico Ibn Kathir riconosceva i benefici del vino tra cui una migliore digestione.

Ma sapevi che esiste anche il vino halal?

vino halal?, alcol halal?, birra halal?

Nel Corano vi è la promessa del Paradiso per le persone che conservano le leggi di Dio sulla Terra. Questo paradiso contiene fiumi di miele, latte e vino che non inebria.

“[Ecco] la descrizione del Giardino che è stata promessa ai timorati [di Allah]: ci saranno ruscelli di un’acqua che mai sarà malsana e ruscelli di latte dal gusto inalterabile e ruscelli di un vino delizioso a bersi, e ruscelli di miele purificato. E ci saranno, per loro, ogni sorta di frutta e il perdono del loro Signore…”

[Al-Qur’an XLVII: XV – Surah Muhammad, versetto N. 15]

Secondo una scuola di pensiero più tollerante dell’Islam, creme e deodoranti contenenti alcol vanno bene perché è invariabilmente un alcol sintetico e non un vino (khamr). In Arabia Saudita, però, anche il carburante contenente etanolo sta ricevendo molte critiche.

Una fatwa contemporanea (sentenza islamica) ha classificato l’alcol non derivante dal vino come halal per usi esterni come profumi e saponi purché non sia usato invano o per scopi intossicanti. Tuttavia, l’opinione diffusa del modo religioso islamico è di evitarlo del tutto.

 

Comprare e vendere alcol e vino

Per i musulmani, quando qualcosa viene definito haram, ciò significa che la cosa è dannosa per la salute ed alla comunità. In tal senso, i musulmani non dovrebbero nemmeno incoraggiare gli altri a prendere parte in qualsiasi cosa definita haram.

Mettere in commercio o vendere alcolici, che sia vino o birra, rientra nella categoria haram.

 Alcol nell'islam vietato, vendere alcol vietato nell'islam

Il Profeta Mohammed, pace e benedizioni su di lui, proibiva ai suoi seguaci tutte le azioni legate all’industria del vino, tra cui la spremitura del vino, il consumo, il servizio, la vendita o l’acquisto. Questa durezza ha l’intenzione di fermare l’espansione dei danni causati dall’alcol.

E soprattutto, bere è una scelta di vita per socializzare e gustare il cibo, uno stile di vita a cui i musulmani semplicemente non prendono parte.

 

Allah ne sa di più;   الله اعلم

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi, Iqra

"Iqra", ovvero, "Leggi! In nome del tuo Signore..." furono le prime parole rivelate al Messaggero di Allah ﷺ.

Iscriviti alla newsletter e ricevi una mail quando pubblichiamo un nuovo articolo!

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter. Riceverai una mail quando pubblicheremo un nuovo articolo (non ti preoccupare, pubblichiamo un solo articolo a settimana)

C'è stato un errore nell'elaborazione della richiesta. Riprova!

Il Musulmano will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.